Skip to content

Bauman, l’avversario preferito dal sistema

9 gennaio 2017

Se n’è andato Zygmunt Bauman ed è quasi banale dire che è stato un osservatore e critico del nostro tempo importante e perspicace. Ha colto aspetti della società neoliberale che hanno incontrato favore, per la loro pregnanza: l’idea della “società liquida” che non offre più sostegni morali e pratici all’individuo, abbandonato alla lotta senza quartiere nella società di mercato; la “solitudine dell’uomo globale”, impotente di fronte alle forze incontrollabili del capitale finanziario; lo squilibro fra la potenza della finanza globale e il potere politico fermo alla dimensione nazionale, oltre a una teoria di libri e interventi “derivati” dai concetti generali (alcuni, a dire il vero, anche un po’ stucchevoli).

c_2_fotogallery_3007982_0_imageBauman è stato letto e ammirato da un pubblico vasto – i lettori dei media mainstream, gli appartenenti alle stesse classi dirigenti che lui criticava – ma è stato assai poco influente, se si pensa allo scarso ascolto che hanno avuto in questi anni i suoi ammonimenti sul declino della democrazia sostanziale dei paesi occidentali alle prese con la presunta emergenza sicurezza o i suoi interventi critici sulla gestione in Europa della cosiddetta emergenza profughi (favorevole, secondo lui, al jihadismo perché intenta a creare masse di giovani musulmani emarginati e rabbiosi).

Poco influente ma molto letto, che comunque non è poco, se si pensa a quanti altri importanti autori, impegnati sugli stessi temi generali, o su questioni più specifiche, sono rimasti ai margini dei media mainstream e degli stessi ceti colti. Ma perché Bauman sì e Arundhati Roy, Susan George, Serge Latouche, Naomi Klein, Gustavo Esteva, Eduardo Galeano, Etienne Balibar – per fare dei nomi – no o comunque molto meno?

Che la risposta sia nella minore esposizione politica di Bauman? Nel coinvolgimento – viceversa – degli altri in movimenti e situazioni di lotta e opposizione concreta al sistema? Alla fine, l’imbuto dei media, nella società dei consumi, seleziona e sceglie anche gli “avversari”.

Annunci
No comments yet

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: