Skip to content

E se mettessimo “ebrei” al posto di “rom”?

1 dicembre 2014

L’altro giorno Guido Ceronetti ha scritto un articolo che si vorrebbe dotto e originale e che Repubblica ha messo addirittura in prima pagina. Vi si parla del popolo rom e si afferma subito: “Io vorrei sradicare dall’uso pubblico vulgato l’insulso Rom e ristabilire il perfetto italiano zingari”.

Segua una lunga esposizione di riferimenti che si pretendono eruditi ma che vanno fatalmente nella direzione di accreditare i più banali e correnti stereotipi, né potrebbe essere altrimenti, se pensiamo a quanto sia radicata nella cultura europea, e da quanti secoli, l’avversione per il popolo rom. L’articolo di Ceronetti e la sua collocazione in pagina, fa notare giustamente Giuseppe Faso da par suo in questo intervento, sono un segno dei miserabili tempi che corriamo.

Non si tratta certo – osserva Faso – di stabilire se questo o quel personaggio sia definibile come razzista (molto spesso non è affatto così), ma se il discorso razzista stia acquistando credito nella discussione pubblica e se il clima sociale attorno a certe minoranze (ad esempio i rom) e a certi gruppi sociali  (ad esempio i richiedenti asilo, gli immigrati o gli aspiranti all’immigrazione) non si stia facendo irrespirabile.

Quanto ai rom, rammento sempre l’invito presente nei manuali che cercano di dare indicazioni per migliorare l’informazione in società pluriculturali qual è la nostra: il consiglio è quello di sostituire al gruppo umano oggetto di attenzione e potenzialmente vittima di discriminazione, il nome di un altro gruppo rispetto al quale il grado di consapevolezza è più sviluppato. L’accostamento tipico, parlando dei rom, è quello con gli ebrei, anche loro vittime nella storia d’Europa di pregiudizi e discriminazioni, oltre che di violenze indicibili (a proposito, c’è stata la Shoah per 6 milioni di ebrei, e c’è stato anche il Porrajmos per mezzo milioni di “zigauner”).

Potremmo provare a rileggere l’articolo di Ceronetti (e molti altri) sostituendo rom con ebrei e vedere l’effetto che fa.

Annunci
No comments yet

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: