Skip to content

Arte e politica: lo Slow Future di Jota Castro

22 novembre 2014

Jota Castro è un’autentica rivelazione. Peruviano di nascita ma francese d’azione, e tuttavia giramondo, è un artista e curatore di fama internazionale. Ha dedicato la sua più recente curatela – al museo d’arte contemporanea di Varsavia – allaJota Castro decrescita. Lui lo chiama Slow Future e dà una fortissima impronta politica alla sua opera, che poi coincide e quindi è frutto della sua visione del mondo e delle cose.
Al Museo Pecci di Prato Jota Castro era ospite del ciclo di incontri “Cambiamenti”, una serie di conversazioni con artisti e pensatori contemporanei che mette in campo idee di fatto escluse dal mondo dell’informazione ufficiale e della comunicazione mainstream. L’arte può essere davvero una via di fuga dal pensiero unico che ingabbia le menti e rende asfittico il dibattito pubblico su ciò che viene chiamata crisi, ma che più probabilmente è la condizione permanente dei prossimi anni, almeno secondo le oligarchie che controllano l’economia e dominano la politica. Una condizione quindi caratterizzata da alta disoccupazione, fortissime e crescenti diseguaglianze sociali, subordinazione dgeli stati nazionali agli interessi della grande finanza internazionale, progressiva estinzione dello stato sociale. Con un effetto collaterale già ben visibile: democrazie sempre più autoritarie e svuotate di senso.
Jota Castro di tutto questo si occupa. Lo fa in modo torernziale quando parla (anche in un colorito quanto efficace italiano) e con le sue opere. In genere sono grandi installazioni, ciascuna portatrice di un preciso messaggio politico. Si è occupato molto di migranti, ad esempio con un gommone riempito con 500 euro in monete da un centesimo, o con la grande scritta BORDERS (confini) realizzata con specchietti riflettenti, come a dire che i confini, le gabbie cominciano nella singola persona.
La visione dello Slow Future riassume una visione artistica e politica che riprende qualcosa dall’Arte povera ma che è innanzitutto una critica radicale del presente. Jota è un personaggio curioso di tutto e sempre sul campo. Ha raccontato d’essere stato in gioventù guerrigliero in Africa (lui dice “internazionalista”) e poi “diplomatico” in varie zone di crisi.

 

Oggi è angosciato dal disastro ambientale che sta distruggendo il suo Perù e il resto del mondo.  Castro è un artista militante che vuole innanzitutto conoscere di persona quel che accade. L’opera col gommone, ha raccontato, è nata in Albania, dov’è andato per informarsi sul sistema degli espatri clandestini: modalità, costi, rischi. E’ stato anni addietro anche a Prato per studiare da vicino l’insediamento dei cittadini cinesi, che sono entrati nell’economia locale e prima di altri – ha osservato – hanno capito i nuovi mercati globalizzati. Una sua opera, che racconta le delocalizzazioni e il nuovo modo di produrre merci, è nata a Napoli: una grande scritta CHINA realizzata con scarpe di marca taroccate.
Jota Castro e il suo “Slow Future” meritano d’essere seguiti da vicino.

Annunci
No comments yet

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: