Skip to content

La Spinelli e Tsipras: un’altra Europa è davvero possibile?

26 dicembre 2013

Barbara Spinelli, editorialista di Repubblica reduce da un’aspra polemica con il fondatore del giornale, in questa intervista per un quotidiano greco si è molto sbilanciata in favore della candidatura di Alexis Tsipras, leader di Syriza, formazione della sinistra greca. Tsipras alle elezioni europee di maggio sarà il candidato alla carica di presidente della Commissione europea (un’indicazione possibile ma priva di effetti pratici, che serve però a favorire la nascita di famiglie politiche omogenee attraverso i paesi dell’Unione) per le forze che si collocano a sinistra rispetto ai partiti del socialismo europeo (in Italia a sinistra del Pd). Dicendo “a sinistra”, in verità, si intende “fuori” dal recinto dell’ideologia neoliberista, che attualmente unisce centrodestra e centrosinistra (conservatori, popolari e socialisti secondo la termonologia europea) in tutto il continente, a volte sottoforma di governi di coalizione (Grecia, Germania, Italia e altri), le altre volte nella condivisione della medesima “visione del mondo”, quindi il primato del mercato, la liberalizzazione finanziaria, la riduzione dei compiti dello stato eccetera.

La presa di posizione della Spinelli è una novità certo importante, perché maturata da una persona che non appartiene alla cosiddetta sinistra radicale, ed è quindi frutto di un ragionamento molto articolato e di una forte preoccupazione per la possibile implosione del progetto europeista, che per Barbara Spinelli resta l’orizzonte di riferimento. Barbara è figlia del grande Altiero, forse il più convinto e il più intelligente costruttore dell’unità politica europea, e in questa intervista dice chiaramente che l’attuale percorso europeo – le politiche di austerity imposte manu militari, la logica di equilibrio fra potenze, lo scarso peso dei cittadini – è da rifiutare.

 

La Spinelli  aggiunge  che solo tre strade sono possibili per il percorso europeo: la prima, appunto, è quella del confronto fra potenze con la troika a fare da ariete per imporre a tutti precise scelte di politica economica; la seconda è il rifiuto dell’euro e quindi l’implosione del progetto europeista; la terza – quella che la Spinelli sposa, ed è questa la grande novità – è rappresentata dall’europeismo incarnato da Alexis Tsipras, l’europeismo delle origini, democratico: “Noi vogliamo l’Europa, ma la vogliamo radicalmente cambiata. Vogliamo un’unione vera, come i padri fondatori l’hanno pensata. Un’Europa della solidarietà, con una Banca Centrale prestatrice di ultima istanza, una vera federazione”.

 

Barbara Spinelli dice che la candidatura di Tsipras dev’essere sostenuta anche in Italia da una lista aperta, che vada oltre i gruppi della sinistra radicale, che accolga candidati provenienti dal mondo associativo più attivo eccetera. Una presa di posizione importante, visto il prestigio dell’editorialista di Repubblica, a sostegno di un progetto che è già in via di costruzione sottotraccia. Una bella idea, che vale la pena d’essere sostenuta, sapendo però che un progetto del genere presenta almento due ordini di problemi:

 

1) è un proposito già perseguito e coltivato altre volte con esiti fallimentari (vedi l’esperienza partita come Cambiare si può e finita con la candidatura di Rivoluzione civile alle politiche del febbraio scorso), e quindi rischia di suscitare una sensazione di déjà vu con una conseguente diffidenza preventiva;

2) la proposta di liste elettorali poco tempo prima del voto è intrinsecamente debole, fa pensare a qualcosa di transitorio e improvvisato.

 

Il progetto-Spinelli si misurerà su questi punti? Riuscirà a fare tesoro dei recenti errori compiuti? Sarà in grado di far intravedere un progetto politico stabile, duraturo, una vera risposta all’omologazione politica in corso attorno alla troika e all’ideologia neoliberale?

Annunci
No comments yet

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: