Skip to content

“Cambiare si può”: una lista alternativa alle prossime elezioni

5 novembre 2012

La buona notizia è che qualcosa si muove al di fuori della palude che avvinghia le maggiori forze politiche, quella sorta di partito unico – centrodestra e centrosinistra insieme – che si riconosce sotto le bandiere del neoliberismo, dell’elitismo, della logica maggioritaria e pubblicitaria (cioè lo spirito delle primarie).

Qualcosa si muove con questo manifesto-appello che prova a introdurre un nuovo soggetto nel discorso elettorale: lavoro-beni comuni-ambiente sono le parole d’ordine della possibile aggregazione che i 70 firmatari iniziali di questo testocontano di mettere insieme in vista delle prossime elezioni politiche. Sarebbe la principale, al momento unica forza antiliberista in campo.

La notizia non buona è che il tempo manca e che non si può andare avanti all’infinito a forza di appelli. Per presentare davvero una lista in primavera, ci vorrà la v0lontà convergente di molti singoli individui e di alcune organizzazioni: bisognerà fare in fretta e bene, trovando in tempi rapidi simbolo, nome e candidati. I personaggi che si stanno impegnando in questa impresa sono di altissimo profilo (Gallino, Pepino, Viale, Gallo, Ginsborg etc.), l’urgenza è grande. Speriamo bene e soprattutto diamoci da fare.

Annunci
No comments yet

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: