Skip to content

Diaz, la Cassazione e la viltà dei nostri politici

8 ottobre 2012

Le motivazioni con le quali la Corte di Cassazione ha spiegato la decisione di confermare le condanne inflitte in appello al processo Diaz sono un documento fra i più importanti e pesanti degli ultimi anni in campo giudiziario. Vi si parla fra l’altro di una “scellerata operazione mistificatoria” messa in atto dai dirigenti che guidarono l’operazione per coprire gli abusi commessi dagli agenti e incolpare le vittime del pestaggio di accuse false, al fine di ingannare la magistratura e l’opinione pubblica.

Questa operazione mistificatoria, come ben sappiamo, è proseguita negli anni successivi, con gli incredibili ostacoli opposti al lavoro dei magistrati, con le promozioni accordate ai dirigenti e adesso con la noncuranza con la quale si è reagito alle parole della Cassazione. Tanto gravi e pesanti sono state le affermazioni dei supremi magistrati, quanto vile e irresponsabile è la reazione degli organismi democratici, ossia governo e parlamento. Non ci sono stati commenti e tanto meno atti significativi dopo i pesantissimi giudizi della Cassazione, nessun ministro o dirigente di partito ha ritenuto che una sentenza del genere, con motivazioni così nette, ponesse un problema di ordine politico. Siamo alla paralisi democratica.

E dire che nel governo Monti siede come sottosegretario alla sicurezza l’uomo che nel 2001 era al comando della polizia di stato e che fu l’ispiratore, secondo i pm che hanno guidato l’inchiesta e anche secondo la Cassazione, di quell’operazione o almeno dei modi con i quali fu condotta. Gianni De Gennaro è stato capo della polizia fino al 2007, quindi nella fase dei depistaggi, degli ostacoli al corso della giustizia, delle promozioni degli imputati. E nel luglio scorso ha commentato la sentenza definitiva esprimendo solidarietà ai dirigenti di polizia condannati.

Eppure la sua posizione non è stata messa in discussione, se non da una campagna di raccolta di firme on line e da un’interrogazione di due parlamentari del Partito democratico, Andrea Sarubbi e Furio Colombo (ma non è questa la posizione del gruppo parlamentare né del partito). In quale altro paese un De Gennaro potrebbe restare al governo (e in quale paese, a dire il vero, ci sarebbe arrivato?). E com’è possibile che nulla accada dopo parole così dure scritte in una sentenza definitiva? Com’è possibile che il capo attuale della polizia non sia chiamato a dare spiegazioni, rendere conto e alla fine dimettersi in modo da agevolare una profonda revisione dei meccanismi di funzionamento del corpo?

Enrico Zucca, il pm che ha condotto l’inchiesta, scrive su Altreconomia.it che “il messaggio della Suprema Corte è alto ed è sul piano dei valori, per chi lo vuole intendere. Corruzione per nobile causa è stata definita quella devianza che porta il poliziotto a commettere reati non per interesse personale ma per assicurare un fine istituzionale. Ma quando l’istituzione s’identifica con le persone, la distinzione si fa evanescente. E’ la cultura dei diritti che sola può fare la differenza tra un modo di fare polizia e un altro e quella cultura si manifesta anche soccorrendo una persona colpita a terra, come nessuno dei funzionari condannati ha fatto quella notte del 21 luglio 2001 a Genova.  La scelta è tra promuovere il progresso democratico delle istituzioni, esigendo da ciascuno il rispetto dei valori costituzionali in ogni situazione o assicurarsi, per il potere, referenti cui affidarsi alla bisogna”.

E’ triste notare che al momento non si vede, nelle istituzioni, chi voglia intendere il messaggio della Cassazione e che sta prevalendo la seconda fra le due opzioni prospettate da Enrico Zucca. Crescono così di pari passo nell’animo del cittadino il senso di vergogna e la voglia di ribellarsi.

Annunci
No comments yet

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: