Skip to content

Un estremista al Viminale

10 settembre 2011

Un giorno, quando sui libri di storia la Lega Nord sarà trattata per quel che è, cioè un partito xenofobo di estrema destra (e non, come si dice ora, un partito semplicemente populista, regionalista, di centro-destra eccetera), sembrerà incredibile che un suo esponente abbia retto per tanti anni addirittura il ministero dell’Interno.

Roberto Maroni, protagonista in queste anni di pericolose campagne sulla sicurezza (in larga misura inventata e poi cavalcata a fini elettorali) e di vergognose campagne contro i rom, condannate da tutta l’Europa civile, nelle ultime settimane è impegnato in dichiarazioni avventate e provocatorie, da autentico sobillatore, in merito al movimento No Tav in Val di Susa.

Maroni insiste a dire che si vuole il morto e che si è attentato alla vita dei poliziotti che difendono il cantiere di Chiomonte. Ha addirittura invocato l’incriminazione per tentato omicidio a carico degli attivisti che hanno lanciato oggetti al di là delle reti di protezione (alte cinque metri).

Maroni carica i toni ed esaspera un clima già teso, incurante di quanto siano inverosimili e infondate le sue affermazioni (si può uccidere un agente dotato di casco e scudo tirando una pietra al di là di un a rete alta cinque metri?).

In compenso il ministro non dice nulla sui lacrimogeni sparati ad altezza d’uomo, condotta proibita dalle regole d’impiego di quegli strumenti.

C’è un estremista al Viminale, ma i più fanno finta di nulla.

Annunci
No comments yet

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: