Skip to content

Manganelli non si scusa e cerca scuse

29 luglio 2011

Sul blog di Beppe Grillo è comparso nei giorni scorsi un intervento del capo della polizia, Antonio Manganelli, in risposta a un precedente intervento dello stesso Grillo, che chiedeva conto delle promozioni/mancate dimissioni dei funzionari coinvolti nei processi Diaz e altri. Le considerazioni di Manganelli paiono del tutto inadeguate e fuorvianti, per quanto Beppe Grillo sembra averle accolte con favore (e dire che il capo della polizia dà una risposta che contraddice i fatti: il dottor Perugini – caso citato da Grillo – ha avuto una condanna già passata in giudicata e non risultano provvedimenti disciplinari o amministrativi nei suoi confronti).

Qui sotto l’intervento mio e di Enrica Bartesaghi successivo al post di Manganelli.

Antonio Manganelli

MANGANELLI NON SI SCUSA E CERCA SCUSE

Poche settimane fa, il procuratore generale di Genova, Luciano Di Noto,
chiamato a commentare il decennale del G8, concentrò l’attenzione su due
macroscopici aspetti: le mancate scuse da parte delle istituzioni alle
vittime degli abusi compiuti da uomini in divisa nel luglio 2001 e le
mancate dimissioni di chi aveva “alte responsabilità” nelle forze
dell’ordine. Sono le stesse richieste che il nostro Comitato ripete ogni
anno, nella convinzione che senza questa premessa sarà impossibile
recuperare un clima di fiducia fra cittadini e forze dell’ordine.
Anche stavolta la richiesta è caduta nel vuoto, nonostate l’autorevole presa
di posizione del dottor Di Noto e altri interventi, a cominciare dalla
concessione della cittadinanza onoraria genovese a Mark Covell, che davanti
alla scuola Diaz fu ridotto in gravi condizioni e rischiò di morire.

Il capo della polizia Antonio Manganelli, nell’intervento sul blog di Beppe
Grillo, ha perso un’altra occasione per dare risposte chiare e concrete,
accampando impedimenti procedurali e normativi. Ha detto che occorre
attendere la pronuncia della Cassazione prima di poter decidere qualsiasi
intervento (ma nulla è accaduto dopo che le condanne nel processo Perugini
sono passate in giudicato) e ha anche negato che vi siano state promozioni
fra gli imputati del processo Diaz, parlando di semplici automatismi di
carriera.
Manganelli vuole forse dire che si arriva al vertice dell’Anticrimine, dello
Sco e altri servizi strategici delle forze dell’ordine in base ad
automatismi di carriera? Non scherziamo.
Ed è vero o non è vero che il capo della polizia – com’è normale che sia –
ha sempre l’ultima parola sulle promozioni alle posizioni di vertice?
Diciamo quindi, più credibilmente, che i capi della polizia e i ministri
degli interni che si sono alternati in questi anni hanno inteso proteggere
le carriere dei dirigenti coinvolti nel G8 di Genova, ignorando anche le
sentenze della magistratura, oltre che ricostruzioni storiche dei fatti
ormai accettate da tutti.

E non nascondiamoci dietro carenze legislative: quando è stato necessario,
in casi diversi dal G8 genovese, abbiamo assistito a sospensioni e rimozioni
all’interno della polizia, senza bisogno di attendere sentenze passate in
giudicato.
Il ricorso in Cassazione è solo un paravento. Non c’è bisogno di alcuna
sentenza penale di colpevolezza, per affermare che alla scuola Diaz la
polizia di stato si è resa responsabile di violenze e falsi inaccettabili,
che hanno esposto l’Italia a un moto di vergogna internazionale. Possibile
che i dirigenti coinvolti in quell’operazione, il capo della polizia di
allora e quello di oggi, non si sentano responsabili di quella pagina
nerissima, che ha minato la credibilità della polizia di stato?

Se anche la Cassazione ordinasse la ripetizione del processo, che cosa
cambierebbe? Forse i pestaggi sarebbero cancellati? Forse potremmo
dimenticare il falso delle molotov o gli ostacoli frapposti all’azione della
magistratura, a cominciare dal mancato svelamento della quattordicesima
firma in calce al verbale d’arresto?
In altri paesi, con un’etica pubblica condivisa più sviluppata, ci si
dimette (o si viene sospesi) per molto meno. E lo si fa per tutelare il
corpo d’appartenenza e per onorare il proprio impegno di lealtà
istituzionale. In questi giorni altissimi dirigenti della polizia britannica
coinvolti del caso Murdoch hanno rassegnato le dimissioni senza attendere i
processi, tanto meno l’ultimo grado di giudizio, che oltretutto in Italia
riguarda solo questioni di diritto.
C’è poi una direttiva europea secondo la quale i funzionari rinviati a
giudizio per comportamenti avvenuti in servizio, devono essere sospesi, e
rimossi dagli incarichi in caso di condanna definitiva. Il rinvio a giudizio
per i funzionari coinvolti nel processo Diaz risale al lontano 2004…

Se il capo della polizia volesse davvero voltare pagina e avviare
un’operazione di trasparenza e di dialogo con i cittadini, potrebbe
tranquillamente farlo, non c’è nessuna legge che lo impedisca. Cominci
chiedendo scusa alle vittime degli abusi, ai magistrati che hanno condotto
le inchieste e sono stati palesemente ostacolati, ai cittadini che hanno
diritto ad avere forze di polizia al di sopra di ogni sospetto.

Enrica Bartesaghi e Lorenzo Guadagnucci per il Comitato Verità e Giustizia
per Genova

Annunci
No comments yet

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: